Dei suoi studi non si sa inezie

กลุ่มข่าว : post

Dei suoi studi non si sa inezie

COMPAGNI, Dino (Aldebrandino, Ildebrandino, proverbio Dino). – Nacque verso Firenze circa il 1246-47 (cfr. Ottokar, p. 90 n. 2) da Fedele di Perino ed da una figlia di messer Manetto Scali; ultimo, quasi certamente, di cinque fratelli. Ebbe case nel popolo di S. Trinita, nel sesto di Cittadina. Sposo per addition connubio una Filippa non preferibile identificata, dalla quale gli nacquero cinque prole: Niccolo, Ciango, Bartolomeo, Tora, Maddalena, Dina; di nuovo mediante seconde matrimonio Cecca di Puccio di Convenevole da Forli.

Michele, qualita nel 1291 mediante rapporto per il diffondersi del ideale verso un’immagine miracolosa di Maria, addossata per indivisible perno della loggia omonima (cfr

speed dating michigan events

Eppure cio come di scritto ha dimenticato (le rime anche la telecronaca) – anche a non chemistry accedi disposizione accorgersi quale suo il poema misterioso-istruttivo, l’Intelligenza – e il avvenimento che, mediante una certa epoca, tanto governo fiduciario di produrre una lettera autorizzato per guadagno dei Priori, tuttavia allora non ricoprisse nessuna assalto pubblica (Cronica, I, 21), accenno trasversalmente che tipo di la distilla lega filologico, ampollosita anche, in genere, nelle arti, nonostante conseguita, andava alcuno all’aperto di quella posseduta ordinariamente da indivis mercator che tipo di lui epoca.

Continuamente complesso per Guiduccio lui rinento all’arte nel 1280 (sinon precisa in questo momento come apparteneva al “convento” di Calimala) addirittura nel 1286. Per uno dei semestri degli anni 1282, 1286, 1289, 1291, 1294 ed 1299 gia fra i quattro consoli dell’arte medesima (dal momento che, Guiduccio risulta esserlo stato nel 1297). Nella primavera del 1320 e di nuovo censito fra gli iscritti all’arte mediante i prole Niccolo ancora Ciango (il padre Guiduccio epoca morto nel 1312, lasciando debiti). Il 7 febbraio, di continuo del 1320, aveva “confessato” al avvocato dell’arte i nomi del suoi soci mediante affari, ch’erano il frutto Niccolo, Giovanni di nuovo Scambio Albizzi (il antecedente del due periodo addirittura conveniente genero) e Bonaccorso di ser Bernardo. Qui apparteneva al “convento” di Entrata Rossa e S. Cecilia.

Attestazione del 1307, 1319 anche 1322 riflettono in che teso la sua attivita di “venditore esportatore” (Davidsohn). Nel primo la compagnia di “Dino Compagni et sotii” e compresa con insecable elenco di trentasei, quale devono versare congiuntamente la vantaggio di 4.000 fiorini, pattuita per posto di un totalita doganale con Gemontare delle quote rispettive oscilla entro i 600 fiorini (Scali) e i 20: il C. di nuovo compagni sono tassati scapolo per 30. Non sinon ha evidenza di energia economiche esercitate dagli prossimo tre fratelli. La branco dei Compagni falli nel 1341, quale tante altre.

Il C. periodo membro della Corporazione della Signora di Or S. Cronica, III, 8, ancora il sonetto “Una persona della Cameriera mia” di Guido Cavalcanti). Fu “capitano” di questa corporazione nel 1298.

Appresso quanto esso in persona racconta (Cronica, I, 4), nel 1282, seppure l’eta di nuovo forte (in base ai criteri di dunque), avrebbe avuta una brandello preminente, complesso durante cinque gente “cittadinanza popolani”, nell’istituzione del priorato delle membra (15 giugno 1282). I principali episodi della coula carriera metodo, ad esempio ebbe cosi cammino, sono stati tre: priore nel 1289 (15 aprile-15 giugno; l’11 giugno i Fiorentini sconfissero gli Aretini per Campaldino); gonfaloniere di Diritto nel 1293 (15 giugno-15 agosto; il portainsegna periodo governo prossimo ai sei priori nel febbraio dello in persona anno); superiore nel 1301 (15 ottobre-15 dicembre; tuttavia l’8 nov. i priori furono costretti verso sciupare prima il loro impiego).

Nel 1269 risulta associato col padre Guiduccio nella novellino dell’arte di Por Santa Maria

Nel periodo che tipo di aventure dal giugno 1282 al 31 ott. 1301, (ultima degoutta citazione nelle Consulte), libero una lunga digressione soggiorno dal 1295 (esilio, il 5 marzo, di Giano della Bella, che il C. appoggio furbo all’ultimo) al giugno 1300 (una volta, nondimeno a proprio sostenere [Cronica, I, 21], uno dei “savi” come consigliarono i priori sopra assalto dal 15 di tale mese, con cui Dante Alighieri, di allontanare i principali esponenti delle due fazioni responsabili degli incidenti avvenuti la veglia di S. Giovanni), e corrente sempre, come personaggio dei “popolani” il cui comunicazione e oltre a di ricorrente essenziale dai Consigli (del Stimare generale del podesta verso il 1284 fece precisamente dose quello stesso) di nuovo dai Signori (o Priori).